© Tutti i diritti sono riservati e di proprietà Gruppo Maio 2019

  • Facebook - Grey Circle
  • LinkedIn - Grey Circle

LE NOSTRE IDEE PROGETTUALI

PIAN DELL'OLMO (RM)
 

Questo progetto riguarda la realizzazione di una: “Piattaforma per lo smaltimento definitivo dei residui prodotti dal processo dell’End of Waste”, da realizzare nel comune di Roma, in località Pian dell’Olmo, che accetterà esclusivamente i residui provenienti da impianti di trattamento e valorizzazione dei rifiuti, esistenti ed in via di realizzazione, nell’Area della Città Metropolitana di Roma, contribuendo a sanare l’attuale problema che affligge l’Area Metropolitana che ormai da tempo è costretta allo smaltimento dei rifiuti presso altre regioni.
Nonostante le indicazioni Comunitarie e Nazionali mirino alla predisposizione di un sistema di gestione integrata dei residui attraverso lo sviluppo della raccolta differenziata, il riciclo e la valorizzazione, per permettere la corretta chiusura del ciclo dei rifiuti risulta necessario prevedere siti di deposito smaltimento definitivo per le frazioni di scarto, per quanto residuali, in uscita dai processi sopra indicati e che, a seguito del ciclo di trattamento e recupero subito, presenteranno un basso impatto ambientale, configurandosi a tutti gli effetti come rifiuti inerti e stabilizzati. Nello specifico il progetto permetterà di dedicare una piattaforma di dimensioni ridotte e dotata dei più moderni sistemi di impermeabilizzazione e salvaguardia ambientale per lo stoccaggio definitivo di detti residui, caratterizzati da un basso indice respirometrico, e contribuirà in modo significativo alla soluzione del problema della chiusura del ciclo dei rifiuti nell’area della Città Metropolitana di Roma, nel rispetto del principio di prossimità; minimizzando al contempo gli impatti sulle differenti matrici ambientali. Il sito prescelto, trattandosi di una ex cava di tufo ormai inattiva, rispetta le indicazioni sulla localizzazione previste dal Piano di Gestione della Regione Lazio e, al termine degli abbancamenti, oltre a vedere ripristinate le originarie quote IGM sarà oggetto di recupero naturalistico sottraendo al degrado un’area paesaggisticamente e morfologicamente compromessa da anni.

1/6