Bacino di Smaltimento

Impermeabilizzazione
L’impianto di smaltimento definitivo dei rifiuti consiste in un bacino di raccolta costituito da una profonda depressione del terreno generata dalla precedente attività estrattiva di una cava di calcarenite (tufo).
Il bacino in cui vengono abbancati i rifiuti è suddiviso in 4 lotti il cui sistema di impermeabilizzazione, in linea con quanto disposto dal D. Lgs. 36/2003, è articolato come segue.

Fondo e sponde (dal basso verso l’alto):
- uno strato minerale di argilla compattata di spessore > 1 m;
- una geomembrana in materiale di adeguata resistenza alle sollecitazioni chimiche e meccaniche presenti nella discarica, a diretto contatto con lo strato minerale compattato (telo in HDPE, ovvero PEAD -Polietilene ad Alta Densità, di 2 mm di spessore e di 2,5 mm per il solo lotto 4°);
- uno strato drenante avente uno spessore > 0.5 m che contiene la rete di raccolta del percolato (e della rete di controllo per il solo lotto 4°).

Canalizzazione, raccolta e smaltimento del percolato
Sul fondo della discarica, immediatamente sopra il telo impermeabilizzante posto a protezione dello strato di argilla, è collocata una rete di captazione del percolato.
Il liquido è captato da una rete di tubazioni fenestrate in polietilene e convogliato in un pozzo di raccolta, posto nella parte più depressa del bacino. Da qui, mediante un impianto di aspirazione in continuo, Il liquido captato viene inviato in appositi serbatoi di vetroresina, per lo stoccaggio temporaneo. Il caricamento su autobotti e la destinazione in opportuni impianti esterni per il trattamento ne completano il processo di smaltimento.

Controllo delle acque meteoriche
Il controllo delle acque meteoriche viene esercitato attraverso una rete di raccolta e canalizzazione perimetrale esterna; in questo modo si minimizzano le infiltrazioni di acque meteoriche nella massa dei rifiuti, riducendo così al minimo la produzione di percolato.